fbpx

Un futuro impegnativo per Teresa Ribera

Elezioni europee - Maggio 30, 2024

Tutti in Spagna conoscono le intenzioni del governo spagnolo di nominare commissario europeo Teresa Ribera, attuale ministro per la transizione ecologica e la sfida demografica e candidata alle elezioni europee del prossimo giugno.

Tuttavia, non sono poche le voci che si sono levate contro le indiscrezioni secondo cui Teresa Ribera diventerà Commissario europeo. Anche se è vero che ha un profilo molto tecnico, negli ultimi anni, come tutto il governo socialista di Pedro Sánchez, la questione ideologica ha acquisito forza per le loro politiche. Per questo motivo, gli atteggiamenti nei confronti della proposta di Ribera sono molto diversi.

Tuttavia, è necessario concentrarsi sui fatti che hanno caratterizzato Ribera durante i suoi oltre cinque anni a capo del Ministero per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica per capire il motivo della posizione di molti dei gruppi che fanno e faranno parte del Parlamento Europeo.

Fin dai primi giorni in cui l’energia nucleare ha iniziato a suonare come punto chiave della legislatura socialista in Spagna, Ribera ha chiarito la sua posizione e le linee che avrebbero guidato le sue azioni. Gli ostacoli all’energia nucleare sembrano essere l’azione che meglio riassume e descrive le sue azioni in relazione a questo tema. Nessun incentivo, più pressione e, per di più, arrivando a dichiarare che “né il gas né il nucleare soddisfano i criteri per essere considerati sostenibili”. Chiunque, quindi, potrebbe chiedersi cosa succederà all’energia nucleare o al gas, considerati dall’attuale Commissione come tecnologie sostenibili per la tassonomia europea, se Ribera arriverà alla Commissione europea difendendo le stesse cose che ha difeso dalla sua posizione di ministro.

L’incertezza viene servita su questo aspetto, anche se per il gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei è chiaro che senza l’energia nucleare è molto difficile mantenere uno scenario di bassi prezzi dell’energia, oltre ad essere consapevoli che l’energia nucleare è fondamentale per poter portare avanti una strategia di effettiva riduzione delle emissioni.

Un’altra delle azioni di Ribera è stata la fissazione dei prezzi del gas naturale, cioè l’implementazione di un tetto al prezzo del gas, che è stato approvato anche dalla Commissione Europea e che implica un certo spirito di controllo più normale di un’ideologia socialista. Una delle alternative proposte, e che ECR sostiene, è l’impegno per una maggiore sovranità energetica e un piano fiscale per ogni Stato membro che tenga conto delle reali esigenze dei cittadini europei.

In un certo senso, questo tipo di azioni intraprese dal ministro e candidato al Parlamento Europeo, sono quelle che hanno fatto sì che numerosi gruppi abbiano manifestato il loro rifiuto a un’eventuale incorporazione di Ribera alla Commissione. Dal settore energetico spagnolo ai gruppi politici nazionali e internazionali.

Vox, il partito politico spagnolo legato al Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei, ha espresso, durante tutto il mandato di Ribera come Ministro per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica, la propria opposizione alle politiche portate avanti dallo stesso, in quanto sostengono che siano andate contro le preoccupazioni e le esigenze non solo del settore dell’industria energetica in Spagna, ma anche contro le numerose circostanze dei consumatori spagnoli.

Il governo spagnolo sta parlando di una vicepresidenza della Commissione che possa includere una linea ecologica e una linea per la transizione verde, ma anche un’altra linea che possa affrontare le sfide che l’economia deve affrontare in termini di sostenibilità.

Tuttavia, questo sembra sfumare in uno scenario in cui il socialismo sta perdendo forza in tutta Europa a vantaggio delle posizioni conservatrici che puntano decisamente sull’industria e sull’economia senza interferenze ideologiche che non risolvono i problemi, così come la nuova composizione del Parlamento Europeo che, secondo tutti i sondaggi, avrà un peso maggiore e decisivo di gruppi come i Conservatori e i Riformisti.