fbpx

Elezioni europee in Spagna: Cosa dicono gli ultimi sondaggi?

Elezioni europee - Giugno 7, 2024

Il3 giugno è scaduto il termine legale per la pubblicazione dei sondaggi sul possibile esito delle elezioni europee. Su questa linea, l’ultimo sondaggio del Centro di Ricerca Sociologica (CIS) ha suggerito che il Partito Socialista (PSOE) sarà il primo partito alle elezioni del 9 giugno, con un sostegno stimato tra il 31,6 e il 33,2%, battendo il Partito Popolare di quasi tre punti percentuali.

I risultati dei sondaggi, pur divergenti per alcuni aspetti, offrono un’interessante visione delle preferenze e delle tendenze dell’elettorato spagnolo. Mentre il sondaggio CIS dà un leggero vantaggio al PSOE, altri sondaggi privati, come quello condotto da GAD3, mostrano una possibile vittoria del Partito Popolare, prevedendo un aumento significativo della sua rappresentanza parlamentare, con il 34,9% dei voti.

Le elezioni europee rappresentano sempre un momento cruciale per valutare il panorama politico, sia a livello continentale che nazionale. In questa occasione, sullo sfondo di un mondo che cambia e si mette alla prova, le elezioni del9 giugno assumono una rilevanza senza precedenti per il futuro dell’Unione Europea.

Nel contesto spagnolo, queste elezioni trascendono la loro portata puramente europea. Oltre a selezionare i rappresentanti al Parlamento Europeo, queste votazioni servono come termometro per misurare il polso della politica interna, soprattutto in un momento in cui il governo guidato da Sánchez e dai suoi alleati mostra crepe e sfide.

Tuttavia, è l’emergere di Vox a catturare l’attenzione di molti osservatori politici, con un programma elettorale incentrato sulla restituzione di voce e potere decisionale agli spagnoli all’interno dell’Unione Europea. Vox si presenta come un’opzione chiara per chi cerca una posizione ferma in difesa della sovranità nazionale e dell’identità culturale. Le sue proposte includono l’abrogazione del Patto Verde Europeo e dell’Agenda 2030, sottolineando la necessità di proteggere i settori chiave dell’economia spagnola, come l’industria e l’occupazione. Inoltre, Vox chiede confini più sicuri per combattere l’immigrazione clandestina, una politica agricola comune senza imposizioni ideologiche e una leadership più attiva nella promozione della libertà in America Latina. Queste proposte riflettono il suo impegno per un’Europa di nazioni sovrane che cooperano liberamente e per la promozione di politiche che vadano a diretto beneficio dei cittadini spagnoli ed europei.

Dopo il buon risultato ottenuto nelle elezioni regionali catalane, l’ascesa di VOX per queste elezioni europee, che si proietta come terza forza nei sondaggi, è la prova di un cambiamento di paradigma nello spettro politico spagnolo. Con una stima dell’11% dei voti secondo il CIS e del 9,7% secondo il GAD3, Vox sta guadagnando terreno e consolidando la sua posizione di attore rilevante nel panorama politico spagnolo.

Questo fenomeno si riflette anche nel declino di altre forze politiche. Podemos, ad esempio, rischia di subire un calo significativo del sostegno elettorale, secondo le previsioni del CIS, che lo collocano tra il 3,6 e il 3,9% dei voti. Questo risultato, unito alle previsioni di un crollo di Ciudadanos all’1,2%, suggerisce uno spostamento dell’equilibrio di potere all’interno dello spettro politico spagnolo.

Inoltre, vale la pena notare l’emergere di nuove forze politiche su entrambi i lati dell’arena politica, da Se acabó la fiesta a Izquierda Española, derivanti dal malcontento e dalla ricerca di alternative di una parte dell’elettorato spagnolo. I risultati, ancora incerti, potrebbero alterare la distribuzione dei seggi tra i quattro principali partiti spagnoli.

In definitiva, le elezioni europee del 9 giugno non solo determineranno la composizione del Parlamento europeo, ma offriranno anche uno sguardo rivelatore sulla realtà politica e sulle preferenze dell’elettorato spagnolo in un momento cruciale della storia dell’Unione europea e della Spagna.