Cosa sta succedendo al Nord Stream?

Energia - Ottobre 18, 2022

Le linee 1 e 2 del Nord Stream, il gasdotto che trasporta il gas dalla Russia direttamente in Europa occidentale, hanno subito danni “senza precedenti”. Nel tratto di Mar Baltico tra Danimarca e Svezia si verificano continue esplosioni e fughe di gas. I sismologi danesi e svedesi hanno registrato forti esplosioni vicino all’isola danese di Bornholm nella notte tra domenica e lunedì. “Un’enorme emissione di energia che interpretiamo come molto probabilmente proveniente da una qualche forma di detonazione”, ha spiegato Peter Schmidt della Rete sismica nazionale svedese.

Danno ambientale

Il governo danese ha già avvertito che la fuoriuscita di gas durerà almeno una settimana. Fortunatamente, il danno ambientale, anche se presente, è limitato. Il gas disperso in mare, infatti, evapora in gran parte nell’atmosfera e non crea maree oleose, come accade ad esempio con le perdite di petrolio. Tuttavia, non evapora completamente, perché essendo il Nord Stream ad alta profondità, parte del metano si lega all’acqua e crea dei clatrati. Una specie di ghiaccio di metano.

Si verifica una riduzione dell’ossigeno nella colonna d’acqua. Questo porterà alla morte della fauna presente. Alcuni chilometri quadrati di mare, a causa delle esplosioni e degli incendi, saranno inquinati. La marina danese sta monitorando l’area da giorni e ha imposto il divieto di navigazione.

Scarico di responsabilità

Nel frattempo, c’è un tira e molla tra il Cremlino e l’Ucraina, con la NATO e l’Europa che osservano la situazione con preoccupazione. I primi a non escludere che si sia trattato di un sabotaggio sono i russi. Attraverso il portavoce Dmitry Peskov hanno chiesto l’avvio di un’indagine urgente perché queste esplosioni rappresentano “un problema che riguarda la sicurezza energetica dell’intero continente”.

La risposta di Kiev è stata immediata. Mykhailo Podolyak, consigliere del Presidente Volodymyr Zelensky, ha accusato Mosca dicendo: “Questo è un attacco terroristico pianificato dalla Russia e un atto di aggressione contro l’UE”. Secondo Podolyak, un attacco di questo tipo compiuto con questa tempistica ha lo scopo di destabilizzare la situazione economica in Europa e di provocare il panico pre-invernale”. Nel frattempo, gli Stati Uniti d’America si sono detti pronti ad aiutare gli europei nelle indagini. “Le prime informazioni indicano che le esplosioni sono state causate da un attentato”, ha dichiarato il Segretario di Stato Antony Blinken. Ha poi sottolineato la necessità per l’Europa di rendersi energicamente indipendente dall’Orso Bianco. Tuttavia, le fughe di gas non avranno un impatto significativo dal punto di vista energetico. Le esplosioni, tuttavia, hanno avuto ripercussioni sul prezzo del gas. Ad Amsterdam, infatti, il prezzo ha raggiunto i 207 euro per megawattora (+ 19%).

La posizione dell’Unione europea

L’Unione Europea, invece, non ha dubbi su quanto accaduto. Il capo della politica estera dell’UE, Josep Borrell, ha spiegato in una dichiarazione che si tratta di azioni di sabotaggio e che l’Unione Europea è profondamente preoccupata per i danni ai gasdotti Nord Stream 1 e 2 e per le perdite causate nelle acque del Mar Baltico internazionali. La sicurezza e l’ambiente, in questo momento, sono le priorità da salvaguardare. “Tutte le informazioni disponibili indicano che queste fughe di notizie sono il risultato di un atto deliberato”. Per questo motivo, continua Borrell, “sosterremo qualsiasi indagine volta a ottenere piena chiarezza su ciò che è accaduto e perché, e adotteremo ulteriori misure per aumentare la nostra resilienza nella sicurezza energetica”. Inoltre, l’Unione Europea si dichiara pronta a rispondere in modo “forte e compatto” in caso di interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche europee. Anche il Commissario europeo per la Giustizia, Didier Reynders, al termine della riunione del collegio dei commissari ha dichiarato: “Stiamo facendo tutto il possibile per identificare l’origine del

The text was translated by an automatic system