Sfatare i miti sui conservatori – Percezioni sull’Europa e intorno a essa

Politica - Maggio 11, 2022

In una serie di articoli, intendo approfondire l’indagine sulle Percezioni dell’UE commissionata dal Partito ECR, i cui ampi risultati sono stati precedentemente riassunti qui .

Si dice spesso che i conservatori sono genericamente scettici quando si parla di Europa. La loro consapevolezza dell’interesse nazionale è percepita come un ostacolo a qualsiasi costruzione europea. Eppure, come chiarisce questa indagine, la realtà è ben diversa. L’idea dell’Europa dei conservatori è di gran lunga più articolata di quanto a volte venga rappresentato.

Ciò che emerge dall’indagine è che i conservatori esibiscono visioni multistrato sull’Europa che non si prestano a una rappresentazione semplicistica. Gli intervistati, quando spinti, hanno trovato punti di forza nel modello europeo; allo stesso modo, hanno sottolineato la frustrazione relativa alle politiche specifiche in atto. Ciò suggerisce che le opinioni conservatrici dipendono dalle politiche.

Non sorprende, quindi, che la maggior parte degli intervistati (52%) riconosca di sentirsi orgogliosa di essere europea, mentre poco più di un terzo (35%) ammetta di provare sentimenti negativi. Nel primo caso, quando è stato chiesto loro di elaborare le loro opinioni positive, i simpatizzanti dell’ECR (44%) enfatizzano in modo schiacciante le connessioni economiche e culturali tra i paesi, molto più delle loro controparti non simpatizzanti dell’ECR (41% contro il 33% dei non simpatizzanti ECR).

Inoltre, i simpatizzanti dell’ECR con una visione positiva dell’Europa sottolineano le opportunità economiche che l’Europa offre in termini di vita e lavoro in un altro paese, sebbene in misura minore rispetto ai simpatizzanti non ECR (38% contro 45). I simpatizzanti dell’ECR apprezzano anche la parità di trattamento, inclusa la protezione delle norme del lavoro, a cui hanno diritto. Altri aspetti che elogiano includono i vantaggi del mercato unico, compresa la possibilità di vendere beni e servizi e la disponibilità di finanziamenti per le infrastrutture.

È altrettanto illuminante esaminare le risposte di coloro che hanno espresso sentimenti negativi nei confronti dell’Europa, di cui i simpatizzanti dell’ECR hanno rappresentato quasi la metà. Quando sono stati invitati a spiegare se stessi, i simpatizzanti dell’ECR hanno sottolineato l’eccessiva burocrazia (38% contro il 29% tra i non simpatizzanti dell’ECR), la paura che i singoli paesi perdano la loro identità culturale (37% contro 24) e l’aumento di criminalità derivante dall’apertura delle frontiere (rispettivamente 23 per cento e 16 per cento).

In altre parole, i conservatori apprezzano i vantaggi di un luogo più ampio che collega le società europee e le opportunità culturali ed economiche che ne derivano. Tuttavia, tendono a diffidare di qualsiasi connessione che diluisca le loro identità culturali uniche o imponga oneri normativi e amministrativi eccessivi, una diffidenza nata da priorità meglio definite.

Un quadro molto simile emerge per quanto riguarda la fiducia nell’Unione europea come istituzione. Tra gli intervistati che si sentivano “molto” o “abbastanza” di fiducia (45%), i simpatizzanti ECR costituiscono circa il 43%, una parte significativa, se non la maggioranza. Tra coloro che riferiscono un atteggiamento negativo nei confronti dell’Europa (41%), i simpatizzanti dell’ECR sono in proporzioni maggiori (50%), riflettendo probabilmente una percezione negativa della burocrazia dell’UE così com’è oggi.

Questo non vuol dire, tuttavia, che i conservatori siano contrari all’idea di Europa in sé; prevedono piuttosto priorità e politiche europee diverse, più in linea con i bisogni e gli interessi del cittadino medio europeo. Per i conservatori, queste priorità devono gettare le basi per il dibattito sulla riforma europea.

Domenico Lombardi

The text was translated by an automatic system