La prostituzione come degradazione delle donne: non plausibile

Cultura - Ottobre 4, 2021

Il paternalismo dei vecchi conservatori è stato sostituito dal maternalismo delle femministe radicali…

Per molti anni ho tenuto un corso presso l’Università dell’Islanda chiamato “Introduzione alla filosofia politica” dove ho discusso le idee e le argomentazioni di alcuni importanti pensatori occidentali. Uno di loro era John Stuart Mill che nel suo Essay on Liberty (1859) argomentava contro il paternalismo, l’idea che la libertà degli individui di scegliere potesse e dovesse essere limitata per il proprio bene, o nel proprio vero interesse, e non solo al fine di proteggere l’uguale libertà degli altri di scegliere . Mill ha sottolineato che il paternalismo presuppone l’esistenza di un gruppo che conosceva meglio dei cittadini comuni cosa sarebbe stato per il loro bene, o nel loro vero interesse. Un’ulteriore premessa è che questo gruppo potrebbe essere identificato, potenziato, mantenuto incorrotto dal potere e rinnovato senza problemi quando i vecchi membri inevitabilmente muoiono o vanno in pensione. Ognuno di questi presupposti è altamente discutibile. Si è quindi tentati di concludere, con Mill, che il paternalismo come politica coerente ed efficace non è plausibile, sebbene sia certamente ampiamente praticato.

Dal paternalismo al maternalismo

In passato, coloro che sostenevano il paternalismo erano principalmente conservatori che volevano che il governo non solo favorisse i valori tradizionali come la famiglia, ma utilizzasse anche la legge e le sue sanzioni per imporre quei valori ai cittadini, vietando ad esempio la fornicazione e l’adulterio (pre- sesso coniugale o extraconiugale), omosessualità, prostituzione e pornografia. In alcuni paesi musulmani, come l’Iran dei mullah e l’Afghanistan dei talebani, queste attività sessuali sono ancora illegali e, se scoperte, soggette a severe punizioni, compresa la lapidazione per adulterio. In Occidente gli atteggiamenti sono però cambiati notevolmente negli ultimi decenni. Oggi termini come fornicazione, adulterio e persino omosessualità suonano strani e superati. Il sesso tra adulti consenzienti è considerato una questione di scelta. Il governo dovrebbe rimanere fuori dalla camera da letto, a meno che non protegga i gruppi che non ci si può aspettare che facciano scelte da soli, come i bambini.

Tuttavia, un movimento vocale e potente non accetta l’estensione della scelta individuale alla prostituzione e alla pornografia. Le femministe radicali utilizzano vari argomenti per utilizzare la legge e le sue sanzioni per vietare tali attività (sebbene spesso vogliano punire solo gli acquirenti di questi servizi, non i venditori). La prostituzione e la pornografia non sono crimini senza vittime, affermano. Coinvolgono sia il degrado che lo sfruttamento delle donne e mantengono così i ceppi invisibili in cui il patriarcato le ha trattenute nel corso dei secoli. Qui vorrei soffermarmi sulla prostituzione e sull’argomento del degrado secondo cui le donne impegnate nella prostituzione sono trattate come oggetti o merci, semplici mezzi di gratificazione, non come esseri umani. Queste sono attività dannose e umilianti, affermano le femministe radicali, sia per gli acquirenti che per i venditori. Il sesso sul mercato è impersonale ed emotivamente inappagante, si sostiene, lasciando i partecipanti con un senso di vergogna e di umiliazione autoinflitta. Le donne che vendono sesso non sanno cosa sia per il loro bene o nel loro vero interesse, aggiungono le femministe radicali.

Tuttavia, è alquanto ironico che le femministe radicali ricorrano al paternalismo. Come suggerisce il nome, il paternalismo proietta il rapporto tra governo e cittadini nell’immagine del rapporto tra un padre ei suoi figli. Lui sa meglio dei suoi figli. Forse questo nuovo paternalismo dovrebbe quindi chiamarsi maternalismo. Va anche notato che non è in senso stretto che tutta la prostituzione coinvolga le donne come fornitori. Alcuni di loro sono uomini. Ma questo indebolisce e non necessariamente confuta l’argomento del degrado. Resta il fatto che nel mercato del sesso gli acquirenti sono prevalentemente maschi e le venditrici femmine.

Un intrigante caso canadese

Tralasciando le prostitute maschi, è vero che le donne vengono sempre umiliate quando vendono sesso? Nel 1994, la polizia canadese ha fatto irruzione in quella che è stata chiamata “una casa oscena” a Thorntill, nell’Ontario, o in parole povere un bordello. I servizi forniti dalle donne che vi lavoravano non prevedevano rapporti sessuali o altri contatti fisici intimi. Erano invece vestiti di pelle nera dalla testa ai piedi, brandendo frustini che usavano sui loro clienti, umiliandoli anche in altri modi, su insistenza degli uomini e come concordato preventivamente. Certamente sembra un po’ esagerato affermare che un’attività in cui gli uomini pagano le donne per averle degradate comporti il degrado delle donne. Ciò che questo esempio di vita reale mostra è che non tutta la prostituzione da parte delle donne comporta il degrado delle donne. Se tale argomento è valido, vale solo per alcuni tipi di prostituzione, non per tutti.

Questa non era tuttavia la fine della storia canadese. La “dominatrice” che gestisce il bordello (chiaramente descritta dalla stampa canadese come il “bungalow bondage”), Terri-Jean Bedford , ha portato il caso in tribunale, e dopo una lunga battaglia legale in cui è stata raggiunta da altre due ‘lavoratrici del sesso’, come preferivano definirsi, nel 2013 la Corte Suprema del Canada governato a loro favore. Ha accettato le argomentazioni dei querelanti secondo cui le leggi esistenti contro il mantenimento di un bordello, il vivere sfruttando la prostituzione e l’adescamento per strada mettevano in pericolo la sicurezza delle prostitute e che violavano i loro diritti costituzionali. Va anche notato che nel paese eminentemente conservatore Svizzera la prostituzione è legale.

Il forcone non funziona

È una vecchia intuizione che le conseguenze del proibire la prostituzione potrebbero essere peggiori delle conseguenze del tollerarla. Non è certo una coincidenza che la prostituzione sia stata definita il “mestiere più antico”. O, come esclamava Orazio: Naturam expellas furca, tamen usque recurret. Puoi scacciare la natura con un forcone, ma lei tornerà costantemente indietro. I più illustri pensatori della Chiesa, sant’Agostino e san Tommaso d’Aquino, riconobbero entrambi questa intuizione. Scrive Tommaso d’Aquino nella Parte Seconda della Parte Seconda della Summa Theologiae (Domanda 10, Articolo 11): ‘Il governo umano è derivato dal governo divino e dovrebbe imitarlo. Ma anche se Dio è onnipotente e sommamente buono, ciononostante permette che accadano molte cose cattive nell’universo che potrebbe proibire, per timore che, se quelle cose cattive fossero soppresse, i beni più grandi dovrebbero essere rimossi o ne dovrebbero seguire cose peggiori.’ Tommaso d’Aquino poi cita sant’Agostino: “Togli le prostitute dalle faccende umane e sconvolgerai il mondo di lussuria”.

L’argomentazione sostenuta da sant’Agostino e san Tommaso d’Aquino è che il bisogno del sesso è un vero bisogno umano che probabilmente non può essere soddisfatto solo dalle attività non patrimoniali degli adulti consenzienti. Le discussioni sulla prostituzione, tuttavia, hanno riguardato principalmente l’offerta piuttosto che la domanda nel mercato del sesso. In genere si sono occupati della difficile situazione delle prostitute (femmine), non dei bisogni dei loro clienti (maschi). Ma considera il giovane, timido, goffo che non ha mai fatto sesso con una donna e che quindi visita un bordello per imparare e allenarsi. Oppure guarda l’uomo che ha una relazione felice con una fidanzata o una moglie ma che ha certe fantasie che non vuole rivelare al suo partner, ma che può facilmente chiedere a una prostituta di soddisfare. Oppure immaginate un individuo obeso, handicappato o comunque deforme che non riesce a trovare un adulto consenziente con cui fare sesso e il cui unico modo per ottenerlo è quindi pagarlo. (Mi affretto ad aggiungere che non ho pregiudizi nei confronti delle persone grasse o handicappate, anche se mi sembra probabile che abbiano più difficoltà di altri gruppi nel trovare partner sessuali disponibili. Se non è così, mi correggo.)

È vero che il rapporto tra una prostituta e il suo cliente è impersonale. Ma lo sono anche molte altre relazioni sul mercato, come quella tra il proprietario di una casa e il netturbino. È anche vero che la prostituta permette l’accesso al suo corpo, in modo intimo. Ma anche il paziente anziano indifeso di un ospedale che deve fare affidamento sull’aiuto di un’infermiera per le sue funzioni corporee di base. Lui (o il governo per suo conto) paga l’infermiera per averlo assistito, proprio come il cliente di una prostituta paga lei per aver soddisfatto i suoi desideri. Alcuni compiti che gli infermieri devono svolgere possono essere spiacevoli, ma non ne consegue che l’assistenza infermieristica come professione sia degradante. Lo stesso si può dire delle balie e delle madri surrogate. Inoltre, personal trainer, massaggiatori e ginecologi in genere sono in contatto fisico con i loro clienti senza alcun obbrobrio. Naturalmente c’è la contro-argomentazione che le persone possono rimanere in vita anche se devono essere caste, mentre non sopravviveranno se i loro corpi non possono svolgere alcune funzioni di base. Pertanto, l’infermiera è indispensabile a differenza della prostituta. Ma questo non cambia il fatto che nella maggior parte delle persone il bisogno di sesso è reale e che può solo peggiorare le cose cercare di sopprimerne la vendita sul mercato.

Riconoscimento di Vice senza supportare le Vice Squadre

Tuttavia, sia i conservatori che le femministe radicali, i paternalisti e i maternalisti, possono avere ragione sul fatto che la prostituzione sia degradante. Ma non è degradante perché sono coinvolte le donne, ma perché è di per sé degradante perché rivela alcune imperfezioni o deficienze umane, sia del compratore che del venditore del sesso. Queste sono però imperfezioni o mancanze che devono essere tollerate, se si vuole credere a sant’Agostino ea san Tommaso d’Aquino. Possono essere vizi, ma non dovrebbero essere crimini. Dal presupposto plausibile che la prostituzione sia degradante non ne consegue necessariamente che debba essere vietata per legge, con la polizia all’inseguimento, distogliendo risorse da altri compiti più urgenti. Il vizio può esistere, ma ciò non significa che dovrebbero esistere le vice squadre. In effetti, la prostituzione sembra meno degradante per le donne del suo divieto legale che la costringe alla clandestinità e lascia le donne impegnate in essa senza la protezione della legge. Come sostiene Tommaso d’Aquino, se alcune cose cattive vengono soppresse, potrebbero essere rimossi beni maggiori o potrebbero accadere cose cattive anche peggiori. Mentre i liberali come Mill sostengono in modo convincente che il paternalismo (o al giorno d’oggi il maternalismo) non funziona, sembrano credere che lo stato dovrebbe essere neutrale riguardo ai valori e che dovremmo rispettare tutte le scelte, se i diritti degli altri non vengono violati. Ma con questo rifiutano di riconoscere la distinzione tra scelte buone e cattive, tra vizi e virtù. Confondono tolleranza e accettazione. Danno una cattiva reputazione alla libertà.

The text was translated by an automatic system