La cena della libertà 2021 a Miami

Politica - Dicembre 18, 2021

È stata una bella esperienza partecipare alla Freedom Dinner 2021 a Miami il 14 dicembre…

Dal 2004, ogni anno, di solito a fine novembre o inizio dicembre, i sostenitori della libertà da tutto il mondo si riuniscono in una delle maggiori città del Nord America, per la Freedom Dinner. Questo è un evento sponsorizzato da Atlas Network, un’organizzazione ombrello internazionale fondata da uomo d’affari e imprenditore britannico Sir Antony Fisher nel 1981 per assistere e incoraggiare gruppi di riflessione che esplorano soluzioni di problemi sociali attraverso la cooperazione spontanea tra individui, senza coercizione, invece di affidarsi principalmente ai comandi dall’alto. Fisher era stato influenzato dall’illustre economista e filosofo anglo-austriaco Friedrich von Hayek, premio Nobel per l’economia nel 1974, il quale aveva insegnato che le persone alla fine erano governate dalle idee e che la lotta per la libertà era quindi principalmente una lotta per cambiare le idee attraverso argomenti e prove: era per rendere visibile la mano invisibile di Adam Smith, per illustrare i vantaggi, in molti casi, della fissazione dei prezzi rispetto alla tassazione e per concentrarsi sulle reali conseguenze delle varie proposte politiche, non solo sui loro obiettivi dichiarati. È stato con grande piacere che ho partecipato alla spettacolare e superbamente organizzata Freedom Dinner 2021 a Miami il 14 dicembre.

Mario Vargas Llosa

Il relatore principale a Miami è stato uno degli scrittori più famosi al mondo, Mario Vargas Llosa dal Perù, premio Nobel per la letteratura nel 2010. Di recente ha pubblicato un’autobiografia intellettuale leggibile, The Call of the Tribe (La llamada de la tribu, 2018), sulla tensione tra l’istinto tribale dell’uomo e l’individualismo moderno, con capitoli su Adam Smith, José Ortega y Gasset, Hayek, Karl Popper, Raymond Aron, Isaiah Berlin e Jean-François Revel. (Discuto di tre di questi autori, Smith, Hayek e Popper, nei miei Ventiquattro pensatori conservatori-liberali .) Nell’introduzione, Vargas Llosa fornisce un breve ma affascinante resoconto delle sue conversazioni con il presidente Ronald Reagan degli Stati Uniti e il primo ministro Margaret Thatcher del Regno Unito. Alla Cena della Libertà di quest’anno, è stato suo compito presentare il primo “Premio Atlas Network-Cátedra Vargas Llosa Young Journalism Prize” a una giornalista cubana in esilio, Carla Gloria Colomé, per un articolo su “L’undicesimo luglio a San Antonio de los Baños’. Quello che è successo nel luglio 2021 è stato che a San Antonio de los Baños, vicino all’Avana, e in altri luoghi, i cubani hanno improvvisamente coordinato le loro azioni online e sono scesi in piazza, manifestando contro il regime autoritario dei fratelli Castro che ha trasformato Cuba in una delle i paesi più poveri dell’America Latina. I manifestanti hanno scandito lo slogan “Patria y Vida” reso famoso in una canzone con lo stesso nome dal rapper cubano Yotuel. Mentre il governo cubano ha usato una forza massiccia per reprimere le proteste, arrestando circa 700 persone e chiudendo per un po’ Internet, è stato straordinario, come nota Colomé nel suo articolo, che improvvisamente le persone non hanno avuto paura dei loro oppressori che hanno perso ogni credibilità. Questo potrebbe essere l’inizio della fine. Alla Freedom Dinner, Yotuel ha cantato commoventemente la sua canzone.

Mentre ascoltavo Vargas Llosa pronunciare il suo discorso raffinato, ho riflettuto su tre fatti poco noti. Uno è che stranamente i due paesi comunisti rimasti nel mondo si sono trasformati in monarchie. L’eredità, non le elezioni, determina chi governa: a Cuba Raúl Castro subentra al fratello Fidel, e nel regno eremita, la Corea del Nord, regna la famiglia Kim. Il secondo fatto è che la spiegazione data dal governo cubano per la povertà e l’arretratezza dell’isola caraibica, l’embargo degli Stati Uniti, è in diretto contrasto con la teoria marxista dello sfruttamento. Se l’Occidente capitalista stesse sfruttando il sud povero attraverso ragioni di scambio sfavorevoli, come ha affermato Lenin (così come l’economista argentino Raúl Prebisch, l’autore della teoria della dipendenza), allora la cosa migliore che potrebbe accadere a un paese povero del sud sarebbe avere il commercio con l’Occidente si fermò. Ma ovviamente i marxisti si sbagliavano. Le economie al di fuori dell’Occidente tradizionale che sono cresciute più rapidamente negli ultimi decenni sono quelle che fanno affidamento sul commercio con l’Occidente, come la Corea del Sud, Taiwan e Singapore. L’embargo è negativo per i cubani perché sono privati dei vantaggi reciproci del commercio internazionale. Il terzo fatto che ho osservato quando ho trascorso alcuni giorni all’Avana nel 2002. La Rivoluzione Cubana che è stata fatta per rovesciare l’onnipotente Dollaro, infatti, ha reso il Dollaro onnipotente: all’Avana, la gente farebbe qualsiasi cosa per i dollari.

Venditori ambulanti in India

Quest’anno, il Templeton Freedom Award è andato al Center for Civil Society dell’India, con sede a Nuova Delhi. Questo premio, $ 100.000, è stato reso possibile dal leggendario investitore e filantropo Sir John Templeton. Il Center for Civil Society, rappresentato a Miami da Prashant Narang, ha ricevuto il premio per il suo lavoro volto a proteggere ed espandere i diritti e le opportunità degli oltre trenta milioni di venditori ambulanti indiani. Spesso molestati dalle autorità locali, offrono servizi indispensabili, molti dei quali sono dei veri imprenditori. La scelta del destinatario riflette anche la natura e la portata internazionali della Rete Atlas e la sua enfasi sulla libertà come valore universale, non meno per i poveri che per i ricchi, non meno nel sud che nell’ovest.

Tom G. Palmer

Il premio Sir Antony Fisher Achievement Award 2021 è andato al Dr. Tom G. Palmer , vicepresidente per i programmi internazionali di Atlas Network, per i suoi instancabili sforzi per la causa della libertà, per gli innumerevoli viaggi in ogni angolo del mondo, conferenze, interviste, articoli , e la pubblicazione e traduzione di libri. Quando incontrai Tom per la prima volta all’incontro della Mont Pelerin Society del 1984 a Cambridge, era già un attivista del movimento libertario americano da un decennio. Da allora ha visitato più volte l’Islanda, impressionando il suo pubblico con la sua eloquenza nel parlare, l’ampiezza delle sue conoscenze e la volontà di discutere di questioni controverse con i giovani. È anche uno studioso compiuto e attento, come dimostra il suo libro Realizing Freedom (2009). Lì analizza e confuta in modo persuasivo gli argomenti di alcuni importanti pensatori di sinistra, tra cui Gerald A. Cohen che ha insegnato a entrambi a Oxford.

Sebbene il fermo impegno di Tom per la libertà sia sempre evidente, è un idealista piuttosto che un ideologo. È molto americano in quanto condivide fortemente la convinzione dei Padri Fondatori nella proprietà privata, nel libero scambio e nel governo limitato, ma è un americano alquanto atipico sotto un altro aspetto. Hayek a volte si lamentava del fatto che a molti americani mancava quella che in Europa era chiamata Bildung e che poteva essere meglio definita come conoscenza di altri tempi e altri luoghi. Ma Tom ha certamente Bildung . Parla diverse lingue e nutre un vivo interesse per la cultura di altri tempi e di altri luoghi. Ha persino letto e riflettuto sulle saghe e le cronache islandesi ed è così in grado, ad esempio, di condurre un’intelligente conversazione su Snorri Sturluson come pioniere del pensiero liberale. Nei primi due decenni dopo il crollo del comunismo nell’Europa centrale e orientale Tom vi è stato molto attivo, mentre negli ultimi anni ha dedicato molte energie all’assistenza dei libertari in conflitto in Africa e Medio Oriente.

Tom Palmer è uno degli oratori più efficaci di quello che chiamerei il movimento conservatore-liberale (mentre lui stesso probabilmente lascerebbe fuori la parte conservatrice). Non ci ha deluso alla Freedom Dinner. Nel suo discorso di accettazione premuroso ma divertente disse: ‘Quando discutiamo per la libertà, non dovremmo cercare di schiacciare, sconfiggere, umiliare o distruggere i nemici, ma di conquistare amici per la libertà. La migliore vittoria in una discussione non è quando fai del male all’altro, ma quando senti l’altra persona ripetere le tue argomentazioni sei mesi, o sei anni, dopo».

Linda Cote

Mentre stavo lasciando Miami ho ricevuto la triste notizia che Linda Whetstone, che aveva servito a lungo come presidente dell’Atlas Network Board, era morta la mattina dopo la Freedom Dinner. All’età di 79 anni aveva subito un arresto cardiaco improvviso. Come suo padre, Sir Antony Fisher, Linda era stata una buona amica. Alta, snella, energica, pratica e appassionata, sempre amichevole, incoraggiante e disponibile, ha ispirato persone in tutto il mondo. Il dottor Ed Feulner, ex presidente della Heritage Foundation, ha giustamente commentato: ‘Il suo impatto si diffonde in tutto il mondo ed è visibile nel lavoro dell’imprenditore che ora può vendere la sua merce per strada senza le molestie di funzionari corrotti, nelle vivaci scuole private per poveri, negli accademici solitari che sanno di fanno parte di una rete mondiale e possono condividere i più grandi libri e saggi con gli studenti nei seminari, grazie ai suoi sforzi per raccogliere fondi e condividere le risorse e diffondere le idee di libertà.’ Linda aveva continuato con grande abilità e determinazione il lavoro di suo padre. Ora tocca a noi continuare il suo lavoro.

The text was translated by an automatic system