Freedom House in Islanda

Politica - Gennaio 6, 2022

A volte la libertà è limitata in nome della diversità democratica…

Il 16 dicembre 2021 è stato pubblicato il rapporto annuale sull’Indice della Libertà Umana . È stato costruito congiuntamente da esperti del Fraser Institute di Vancouver e del Cato Institute di Washington DC e viene utilizzato per misurare la libertà umana in senso lato, sia personale che economico, in tutto il mondo. I dati sono stati ricavati da 165 giurisdizioni per l’anno 2019. È stato piuttosto sorprendente vedere che dei cinque paesi nordici l’Islanda era al quarto posto secondo l’indice: delle 165 giurisdizioni, la Danimarca era la numero 3, la Finlandia la numero 6 (a pari merito con il Canada), la Svezia la numero 9, l’Islanda la numero 12 e Norvegia numero 13. Avrei pensato che l’Islanda sarebbe stata al primo o al secondo posto, anche se è ovviamente più significativo il fatto che tutti e cinque i paesi nordici fossero nel quartile più libero dei paesi. La spiegazione sembra essere che l’Islanda ha ottenuto meno del massimo dei voti in alcune categorie secondo una fonte dell’Indice, il rapporto annuale sulla libertà nel mondo di Freedom House, pubblicato nel 2020 sull’anno 2019. Tuttavia, non sono d’accordo con alcune delle stime e delle affermazioni fatte dal personale di Freedom House, anche se sono sicuro che stavano facendo del loro meglio. Spero che considereranno le mie obiezioni con una mente aperta.

Due indicatori si riferiscono a Samherji

Un indicatore dell’indagine di Freedom House sulla libertà in Islanda nel 2019 è stata la risposta alla domanda: “Le scelte politiche delle persone sono libere dal dominio di forze esterne alla sfera politica o di forze politiche che impiegano mezzi extrapolitici?” L’Islanda è stata contrassegnata e ha ricevuto tre su quattro (che si tradurrebbe in 7,5 nell’indice della libertà umana) con la seguente spiegazione: “Nessuna entità militare, straniera o religiosa esercita un’influenza non democratica sulle scelte degli elettori. Tuttavia, alcuni politici e partiti sono strettamente legati alle imprese, che a loro volta esercitano un’influenza politica significativa. Il ministro della pesca Kristján Þór Júlíusson è strettamente affiliato a Samherji, una compagnia di pesca islandese coinvolta in un piano per corrompere funzionari namibiani nel novembre 2019.’

Un altro indicatore del sondaggio è stata la risposta alla domanda: “Le tutele contro la corruzione ufficiale sono forti ed efficaci?” Ancora una volta, l’Islanda è stata segnata e ha ricevuto tre su quattro (che si tradurrebbe in 7,5 nell’indice della libertà umana) con la seguente spiegazione: “A novembre, l’azienda di pesca islandese Samherji è stata implicata in una corruzione dopo il rilascio del cosiddetto ” File Fishrot;” hanno rivelato che Samherji ha corrotto funzionari del governo namibiano per garantire i diritti di pesca già nel 2012. Il CEO di Samherji Þorsteinn Már Baldvinsson si è dimesso più tardi quel mese dopo che i file erano stati rilasciati da WikiLeaks, ma il ministro della pesca Júlíusson ha resistito alle richieste di dimettersi dopo aver ammesso di aver parlato con Baldvinsson sulle accuse.’

Il primo affare Samherji: abuso di potere

Queste affermazioni nel rapporto Freedom House sono altamente fuorvianti. In effetti ci sono due affari di Samherji, non uno, e la conclusione del primo spiega in una certa misura l’inizio del secondo. Samherji è infatti una delle più grandi imprese di pesca islandesi, che beneficia del sistema di quote trasferibili individuali nelle attività di pesca che l’Islanda ha sviluppato negli anni ’80 e ’90. Questo è, come ho sostenuto in due libri in inglese, un sistema sostenibile e redditizio. Il successo di Samherji è risentito da molti e a una festa all’inizio del 2012 un ex ispettore della pesca ha detto a un giornalista del National Broadcasting Service, NBS, di proprietà del governo, Helgi Seljan, che pensava che Samherji stesse manipolando il prezzo del pesce a cui vendeva. le sue controllate estere (minore è il prezzo di una certa quantità di pesce, minore sarà la quota che riceverà l’equipaggio del peschereccio che raccoglie tale importo). Seljan, un ex attivista di sinistra, ha debitamente informato le persone dell’Unità di sorveglianza dei controlli sui capitali presso la Banca centrale d’Islanda. L’Unità era stata istituita quando l’Islanda ha adottato controlli draconiani sui capitali nel 2008, dopo il crollo della banca.

Nelle settimane successive l’Unità ha arruolato il procuratore speciale per i crimini economici in un’indagine su Samherji mentre Seljan aspettava dietro le quinte, seguendo da vicino il caso. Il procuratore speciale ha colpito il 27 marzo 2012, con un drammatico raid nei locali di Samherji, sequestrando i libri contabili della società. Ben preparata, la NBS ha riferito immediatamente e ampiamente sul raid e sulle presunte violazioni dei controlli sui capitali da parte di Samherji. Alla fine è emerso tuttavia che non c’erano basi per le accuse. L’indagine penale su Samherji è stata archiviata e la Corte Suprema nel 2018 ha annullato una sanzione amministrativa che la Banca Centrale aveva inflitto alla società. Sebbene la NBS si fosse rifiutata di concedere a Samherji l’accesso agli scambi di posta elettronica tra Seljan e il direttore dell’Unità di sorveglianza dei controlli sui capitali prima del raid, sono state rilasciate dalla Banca centrale nel 2020. Hanno mostrato che il suggerimento originale proveniva dal giornalista della NBS, Seljan, e che lui e il Direttore dell’Unità si consultavano spesso prima del raid del 2012. Pertanto, il primo caso Samherji riguardava l’abuso di potere, ma era il potere esercitato dalle autorità della Banca centrale e dal procuratore speciale, che agivano in collaborazione con i giornalisti della NBS.

Il secondo affare Samherji: un informatore inaffidabile

Probabilmente Seljan ei suoi associati alla NBS non hanno particolarmente apprezzato la loro totale sconfitta nel primo caso Samherji. Potrebbero quindi essere stati tutt’altro che critici quando un ex dipendente scontento di Samherji, Johannes Stefansson, si è avvicinato a loro, affermando di avere prove delle malefatte dell’azienda in Namibia, dove aveva diretto le sue operazioni. Ha affermato di aver corrotto, a nome di Samherji, politici e funzionari namibiani per ottenere licenze di pesca nelle acque namibiane. Stefansson non ha raccontato la storia completa, tuttavia. Aveva diretto le operazioni di Samherji in Namibia tra il 2012 e il 2016, ma era stato licenziato perentoriamente nell’estate del 2016 quando Samherji aveva scoperto che stava cercando di vendere i suoi servizi, compresi i suoi contatti commerciali namibiani, a un’altra grande compagnia di pesca islandese. Anche il suo comportamento sul lavoro era diventato sempre più irregolare, forse a causa della sua turbolenta vita personale. A conferma delle sue affermazioni, Stefansson ha portato con sé la maggior parte, ma non tutte, le email che aveva scambiato con i manager di Samherji e con altri negli anni precedenti al suo licenziamento, oltre ad alcuni altri documenti. Questa volta, Seljan non stava lavorando con le autorità islandesi, ma con un gruppo di giornalisti in Islanda e all’estero. Hanno colpito il 12 novembre 2019 quando le e-mail di Stefansson e altri documenti sono stati pubblicati su WikiLeaks, mentre la NBS ha presentato un lungo e ben preparato documentario televisivo sulle presunte illeciti di Samherji, non solo tangenti in Africa, ma anche evasione fiscale e riciclaggio di denaro.

Comprensibilmente, gli islandesi erano scioccati. Il direttore di Samherji, Thorsteinn Mar Baldvinsson, ha negato ferocemente le accuse di Stefansson, ma si è fatto da parte mentre la questione era indagata (non si è però “dimesso”, come afferma Freedom House). Qualcosa era ovviamente marcio nello stato della Namibia, e infatti due ministri del governo namibiano si sono immediatamente dimessi dopo le rivelazioni di Wikileaks in base alle quali loro e i loro associati sono stati arrestati e un’indagine è iniziata sui loro possibili crimini. Ma nei suoi rapporti con i namibiani, Stefansson agiva da solo o per conto di Samherji? Forse non sorprende che uno studio approfondito condotto da uno studio legale norvegese per Samherji non abbia rivelato prove di alcuna complicità da parte dei manager islandesi di Samherji nei rapporti con Stefansson. Ancora più importante, le indagini sulla questione finora da parte di altri non hanno prodotto prove del genere. Nell’ottobre 2021, dopo due anni, i pubblici ministeri namibiani hanno denunciato dieci politici e uomini d’affari namibiani coinvolti nel caso, ma non contro nessuno di Samherji. (Apparentemente, tre islandesi che erano stati impiegati dalla filiale di Samherji in Namibia non erano stati indagati o accusati perché i pubblici ministeri non erano stati in grado di contattarli.) Le accuse di riciclaggio di denaro attraverso una banca norvegese sono risultate infondate e il caso è stato archiviato. Baldvinsson ha ripreso le sue funzioni di direttore di Samherji nel marzo 2020 e nell’estate del 2021 si è scusato pubblicamente per le operazioni “riprensibili” della filiale di Samherji in Namibia, che ha incolpato della mancanza di supervisione.

La vigorosa difesa di Samherji

Sebbene Samherji sia una compagnia grande e forte, in questo caso era la preda piuttosto che il cacciatore. Ma certamente si è difeso vigorosamente, anche aggressivamente. Ad esempio, ha presentato una denuncia al Comitato Etico della NBS, accusando il giornalista Helgi Seljan di aver violato il Codice Etico della NBS che stabilisce che i giornalisti non dovrebbero prendere posizione pubblica su questioni controverse sui social media. Samherji ha sottolineato che Seljan aveva pubblicato molti commenti ostili sull’azienda sui suoi account Facebook e Twitter. Il Comitato Etico ha ritenuto Seljan colpevole di aver violato il Codice Etico della NBS e che la sua violazione era grave. Samherji ha anche impiegato un investigatore privato che potrebbe aver mostrato un eccessivo zelo nell’avvicinarsi a Seljan, per il quale Samherji in seguito si è scusato. Apparentemente, tutto questo ha avuto un impatto su Seljan. In un’emozionante intervista alla NBS nell’ottobre 2021, ha affermato che i suoi critici avevano sfruttato il fatto che fosse vulnerabile: per un po’ ha dovuto trascorrere del tempo in un reparto psichiatrico, ha rivelato. Pubblicamente, Samherji ha anche sottolineato che la società aveva registrato una perdita complessiva sulle sue operazioni in Namibia e che comunque non erano state una parte significativa delle sue operazioni totali. Un nuovo episodio dell’aspra faida tra Samherji e giornalisti di sinistra ha avuto luogo nel maggio 2021 quando due riviste online, che in precedenza avevano collaborato con la NBS nell’affare Samherji, hanno pubblicato e-mail trapelate dai dipendenti Samherji su come l’azienda stava organizzando le sue pubbliche relazioni . Piene di commenti sarcastici, le e-mail non riflettevano bene su Samherji, sebbene non mostrassero intenti criminali.

Non era un segreto come WikiLeaks avesse ottenuto il suo materiale su Samherji. È stato Johannes Stefansson a fornirlo (probabilmente in violazione della legge islandese sulla privacy). Ma chi ha fornito il materiale dallo staff di Samherji? Sembra che qualcuno abbia fatto irruzione nello smartphone di un dipendente Samherji mentre era privo di sensi in ospedale e che questo ladro digitale abbia copiato tutto il materiale che lui (o lei) ha trovato lì. La polizia sta ancora indagando sul caso. Un blogger islandese solitamente ben informato scrive che la polizia sa chi ha rubato lo smartphone e che il materiale su di esso è stato copiato da tecnici e giornalisti della NBS. Lo trovo difficile da credere. Ma il fatto è che nel corso di pochi mesi che hanno preceduto la fine del 2021, quasi tutti alla NBS con qualche legame con l’affare Samherji avevano lasciato tranquillamente il proprio lavoro, incluso il News Editor. Forse sanno qualcosa che noi non sappiamo.

Il conflitto tra libertà e diversità democratica

L’indagine islandese su Samherji a seguito delle rivelazioni di Wikileaks del 2019 è ancora in corso, per quanto ne so, ma è improbabile che porti ad accuse. È quindi fuorviante affermare, come fa Freedom House, che Samherji sia implicato in uno scandalo di corruzione in Namibia. È Johannes Stefansson ad essere coinvolto personalmente e direttamente in questo scandalo, insieme ad alcuni uomini d’affari e politici namibiani. È ancora più fuorviante vedere questo come un segno di corruzione nella politica islandese. È vero che l’ex ministro della pesca Kristjan Thor Juliusson era vicino a Thorsteinn Mar Baldvinsson di Samherji, come afferma Freedom House, ma questo era prevedibile poiché Samherji è una delle più grandi società private con sede nel collegio elettorale di Juliusson. Juliusson ha fatto parte del consiglio di Samherji per cinque anni, molto prima di diventare membro del Parlamento. In effetti, le entrate dei partiti politici islandesi provengono principalmente dal governo e ci sono severi limiti legali su ciò che le aziende possono donare loro (circa $ 2.500 ciascuno all’anno). Ad esempio, il Partito per l’Indipendenza pro-business a cui Juliusson appartiene ricava meno del 2% del suo reddito totale dalle imprese di pesca. Non è inoltre chiaro il motivo per cui Juliusson avrebbe dovuto dimettersi anche se il direttore di una filiale di Samherji in Namibia è stato coinvolto in uno scandalo di corruzione. Si è svolto in Namibia, non in Islanda. Per inciso, le licenze di pesca islandesi, i contingenti individuali trasferibili, non sono assegnati politicamente. Nelle attività di pesca più importanti, sono state inizialmente assegnate nel 1983 sulla base dello storico delle catture e da allora sono state trasferite liberamente tra imprese di pesca. Politici e burocrati non hanno alcun controllo su di loro.

L’intera vicenda mostra quanto possano essere ingannevoli le prime apparizioni. Forse i giornalisti che hanno attaccato Samherji stavano operando in buona fede. Ma avevano adottato una causa: predicavano piuttosto che riferire. Alcuni di loro sono anche piuttosto parziali. L’Unione islandese dei giornalisti ha approvato due volte risoluzioni che condannano Samherji per essersi difeso pubblicamente (nei video su Youtube e negli annunci sui giornali). Non è sempre stato così entusiasta della libertà di espressione. Quando un uomo d’affari islandese che ha sostenuto cause di sinistra ha approfittato delle rigide leggi sulla diffamazione in Inghilterra e delle spese legali esorbitanti coinvolte, per intentare un’azione contro di me davanti a un tribunale inglese nel 2004 per i commenti poco lusinghieri su di lui a una conferenza giornalistica nel 1999, l’Unione dei giornalisti ha rifiutato di sostenermi pubblicamente. (Quest’uomo che si era trasferito a Londra nel 2003 ha ottenuto un giudizio contumaciale contro di me che è stato successivamente invalidato , ma l’intera faccenda mi è comunque costata circa £ 170.000.)

Devo tuttavia notare che le leggi che limitano i contributi dei singoli ai partiti politici devono essere considerate come restrizioni alla libertà. Privano gli individui del loro diritto a sostenere finanziariamente le cause in cui credono appassionatamente. Creano anche un vantaggio ingiusto per gli operatori storici, a scapito dei nuovi arrivati. Non è questo un esempio di un possibile conflitto tra libertà e diversità democratica? Dovrei anche notare che Freedom House descrive il servizio di radiodiffusione nazionale islandese come “autonomo” e afferma che è in concorrenza con le stazioni radiofoniche e televisive private. Ma la NBS è finanziata dal governo. Non è soggetto al test della scelta del consumatore come i media privati. Gli islandesi hanno il diritto di annullare i loro abbonamenti a stazioni televisive e giornali privati, ma non possono annullare l’abbonamento a NBS. Non si tratta forse di una libertà ridotta anziché estesa?

Una tempesta in una teiera

La maggior parte del rapporto 2020 di Freedom House sull’Islanda nel 2019 ha un tono ragionevole e moderato. C’è un’evidente eccezione, per l’indicatore che era la risposta alla domanda: ‘Il governo opera con apertura e trasparenza?’ L’Islanda è stata segnata e ne sono stati dati tre su quattro (che si tradurrebbe in 7,5 nell’indice della libertà umana) con la seguente spiegazione: “Nel 2018, sei parlamentari di PP e PC sono stati segretamente registrati mentre facevano osservazioni misogine, anti-LGBT e abiliste su colleghi in un bar di Reykjavík. Un putiferio è seguito dopo che la donna che ha registrato la conversazione l’ha trapelata ai media. Quattro dei legislatori coinvolti hanno presentato una petizione al tribunale distrettuale di Reykjavík per perseguire le accuse contro di lei per aver violato la loro privacy, ma il tribunale ha respinto le loro affermazioni quel dicembre.’ Questa è più o meno una descrizione accurata di ciò che è successo. Ma trovo straordinario che questo insignificante incidente sia stato usato per contrassegnare l’Islanda come un paese libero. I deputati del Partito popolare e del Partito di centro erano tutti all’opposizione. Avevano avuto una rissa tra ubriachi al bar ed erano stati registrati a loro insaputa. Penso che questa sia stata davvero una violazione della loro privacy, ma non vedo la rilevanza di questo incidente per la questione se il governo islandese operi con apertura e trasparenza. Era una tempesta in una teiera. Va sottolineato che quattro dei parlamentari di sesso coinvolti nel caso (se il caso era) non sono più in Parlamento. La mia conclusione è che l’Islanda non è affatto un paese perfetto, ma è comunque uno dei paesi più liberi del mondo. Merita voti più alti di quelli assegnati dall’Indice della Libertà Umana o da Freedom House.

The text was translated by an automatic system