La libertà umana è in declino?

Politica - Gennaio 4, 2022

Se la libertà umana può essere misurata, come si confrontano i diversi paesi? E tempi diversi?…

Negli ultimi venticinque anni un gruppo di economisti sotto la guida del professor James Gwartney ha misurato ogni anno la libertà economica nel mondo, come ho descritto qui in The Conservative . Le loro scoperte sulla forte relazione tra libertà economica e prosperità sono notevoli: se i paesi sono divisi in quartili, il reddito medio nel quartile più libero è quasi dieci volte superiore a quello in quello non libero. Il contrasto è ancora più netto nel caso dei poveri: il reddito medio del dieci per cento più povero nelle nazioni economicamente più libere era più del doppio del reddito medio pro capite nelle nazioni più libere. Adam Smith è vendicato, ancora una volta. Ma è proprio vero che in una vita buona c’è di più della libertà economica. L’uomo non vive di solo pane. Pertanto, nel 2008 un gruppo di esperti in due gruppi di riflessione, il Cato Institute di Washington DC e il Fraser Institute di Vancouver, ha iniziato a misurare la libertà in un senso più ampio, basandosi sul lavoro di Gwartney, ma ampliandone l’ambito, anche nelle loro indagini politiche e intellettuali libertà.

82 indicatori in 12 aree

Gli esperti, Ian Vásquez, Fred McMahon, Ryan Murphy e Guillermina Sutter Schneider, hanno costruito un Index of Human Freedom , utilizzando 82 indicatori di libertà personali ed economiche in dodici aree: Stato di diritto; Sicurezza e protezione; Movimento; Religione; Associazione, assemblea e società civile; Espressione e informazione; relazioni; Dimensione del governo; Sistema legale e diritti di proprietà; Denaro sano; Libertà di commerciare a livello internazionale; Regolamento.

Le ultime cinque aree sono derivate dall’Indice di libertà economica di Gwartney, ma le altre si riferiscono alla libertà personale in cui i dati provengono da organizzazioni e associazioni internazionali come il World Justice Project, Institute for Economics and Peace e Freedom House. Ciò che viene realmente misurato nella maggior parte dei casi è fino a che punto si spinge il governo nel limitare le libertà personali ed economiche, sebbene alcuni indicatori riguardino anche restrizioni sociali o non ufficiali, derivanti ad esempio da violenze o conflitti diffusi. Così gli autori applicano ciò che il filosofo di Oxford Sir Isaiah Berlin chiamava il concetto negativo di libertà, assenza di costrizione, non il concetto positivo, conferimento di potere (mentre la distinzione tra i concetti negativi e positivi di libertà ebbe origine con lo scrittore francese Benjamin Constant nel 1819, poiché io segnalare nel primo volume del mio Ventiquattro pensatori conservatori-liberali ).

Solo il 15 per cento nel quartile libero

Nel dicembre 2021, il gruppo ha pubblicato i risultati dell’ultimo anno in cui sono disponibili dati sufficienti, il 2019, esaminando 165 giurisdizioni. Secondo l’Indice della libertà umana, la Svizzera è il paese più libero del mondo, seguito in quest’ordine da altri quattro piccoli paesi, Nuova Zelanda, Danimarca, Estonia e Irlanda. Il Regno Unito è il numero 14 della lista, gli Stati Uniti sono al 15° posto con Germania e Giappone, il Brasile è il numero 78, la Russia il numero 126 e la Cina il numero 150. In particolare, nelle due giurisdizioni con le economie più libere secondo l’Indice della libertà economica la libertà personale sembra essere molto meno ampia: Hong Kong è la numero 30 secondo l’Indice della libertà umana e Singapore la numero 48. I cinque paesi non liberi sono, in ordine decrescente, Egitto, Sudan, Yemen, Venezuela e Siria. Non sono inclusi i due paesi comunisti rimasti nel mondo, Cuba dei Castro Brothers e Corea del Nord della dinastia Kim.

L’Indice della Libertà Umana può essere utilizzato per fare confronti nel tempo così come tra paesi. Per un po’, dopo il crollo del comunismo nel 1989-1991, il mondo è diventato ogni anno più libero. Questo sviluppo si è fermato, purtroppo. Mentre la libertà umana globale è rimasta in media invariata rispetto al 2018, le valutazioni sono diminuite per 82 giurisdizioni nel 2019 e sono aumentate per 67 giurisdizioni. I dieci paesi più popolosi del mondo, Cina, India, Stati Uniti, Indonesia, Pakistan, Brasile, Nigeria, Bangladesh, Russia e Messico, hanno tutti visto una diminuzione della libertà generale. Solo il 15% della popolazione mondiale vive nel quartile più libero, principalmente in Europa, Nord America e Oceania.

Il successo svizzero

Il paese più libero del mondo secondo questa misura, la Svizzera, è davvero notevole. Forse Dio, dopo aver creato la Svizzera e aver compreso quanto era stato ingeneroso, ha creato gli svizzeri diligenti e ragionevoli per compensare la mancanza di risorse naturali del paese. Non c’è dubbio, tuttavia, che la principale spiegazione del successo degli svizzeri è che hanno sviluppato nei secoli un contratto sociale implicito che vincola il potere dividendolo tra le comunità locali, i cantoni e la federazione. Lord Acton una volta ha osservato che la libertà di un paese potrebbe essere giudicata al meglio dal modo in cui trattava le sue minoranze. Questo è ben illustrato in Svizzera. È un Paese di tanti gruppi diversi, religiosi oltre che linguistici, che riescono a convivere pacificamente perché ogni gruppo si astiene dal cercare di imporre la propria identità ei propri interessi agli altri. Ciò che è cruciale, tuttavia, penso, è che anche il potere di tassare sia ripartito tra queste unità politiche. Chi paga le tasse decide anche, in referendum regolari, su quanto dovrebbero essere alte, non una burocrazia ampia, inflessibile, onnipotente, non trasparente.

Vent’anni fa ho pubblicato un libro su come l’Islanda potrebbe adottare il modello svizzero, tagliare le tasse e creare un ambiente favorevole alle imprese, e come il mio paese potrebbe così diventare la Svizzera del nord. Il 12 dicembre 2002 stavo presentando la mia argomentazione in un caffè letterario a Reykjavik. La stanza era gremita. Tra il pubblico c’era un noto autore di sinistra, Hallgrimur Helgason. Balzò in piedi e chiese: ‘Perché dovremmo provare a emulare la Svizzera? Non hanno prodotto niente tranne l’orologio a cucù!’ Ovviamente si riferiva a Orson Welles famosa battuta d’arresto Il terzo uomo (1949): ‘In Italia per trent’anni sotto i Borgia, hanno avuto guerre, terrore, omicidi e spargimenti di sangue, ma hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera avevano un amore fraterno, avevano cinquecento anni di democrazia e di pace, e che cosa ha prodotto? L’orologio a cucù.’

Ho risposto a Helgason: ‘In primo luogo, è un mito che la Svizzera abbia prodotto l’orologio a cucù. È stato inventato nella Foresta Nera della Baviera. In secondo luogo, gli annali di una nazione felice hanno pagine bianche. Fortunatamente, in Svizzera non succede nulla di molto interessante. È un argomento a favore, non contro di esso. In terzo luogo, ricorda che Swizerland, anche se non ha precedenti del tutto intatti, è stata nel tempo un rifugio sia per le persone che per le loro proprietà da tiranni e dittatori.’

I paesi nordici sono liberi

Un altro fatto interessante è che i cinque paesi nordici ottengono un punteggio elevato nell’Indice della libertà umana: la Danimarca è al 3° posto, la Finlandia è al 6° posto, la Svezia è al 9°, l’Islanda al 12 e la Norvegia al 13. In particolare, sono tutti più liberi degli Stati Uniti. Dal momento che il senatore Bernie Sanders ha esortato i suoi colleghi americani ad adottare il modello nordico, ciò sembrerebbe implicare che gli americani dovrebbero cercare di aumentare la libertà, non di ridurla. Ma ovviamente è un mito che i paesi nordici siano esempi di socialismo di successo. La loro prosperità è malgrado la socialdemocrazia, non grazie ad essa. Le tre ragioni principali per cui i paesi nordici sono sia liberi che prosperi sono, a mio avviso, che sostengono fermamente lo stato di diritto, compreso il rispetto della proprietà privata e della libertà contrattuale, che praticano il libero scambio (come devono fare le piccole economie se trarranno vantaggio dalla divisione internazionale del lavoro) e che, almeno fino a tempi recenti, le società nordiche sono state relativamente omogenee, con un’ampia coesione sociale, un alto livello di fiducia e una forte etica del lavoro. Ma il successo dei paesi nordici non deve essere esagerato. Potrebbero essere paragonati a quegli stati degli Stati Uniti ea quelle regioni del Canada che sono per molti versi simili, come il Minnesota, i due Dakota e il Manitoba. Questi “paesi nordici del Nord America” si sarebbero comportati altrettanto bene o addirittura meglio sulla maggior parte dei criteri rispetto ai cinque “paesi nordici in Europa”.

Trovo alquanto sorprendente, tuttavia, che l’Islanda sia al quarto posto su cinque tra i paesi nordici, non al primo o al secondo posto come mi sarei aspettato. Ho dato un’occhiata ai dati e, sebbene sembrino per lo più affidabili, ci sono alcune strane ipotesi. Un esempio è che l’indicatore “Espressione accademica e culturale” era stimato a 10 nel 2008-2016 (il che significava nessuna restrizione), ma poi il numero assegnato è improvvisamente sceso a 7,5 nel 2017, dove è rimasto. Cosa è successo nel 2017? Quali nuove restrizioni all’espressione accademica e culturale furono poi introdotte? Non ne ho idea. Un altro esempio è l’indicatore “Autocensura dei media”. Era stimato in 8,3 nel 2008-2012, ma nel 2013 il numero assegnato è sceso a 6,9, rimanendo a quel livello fino al 2018, quando è risalito a 7,2, e poi nel 2019 è sceso di nuovo, a 6,2. Ancora una volta non riesco a spiegare come sono stati assegnati i numeri. Il terzo esempio è l’indicatore ‘Libertà dei media’. Si stima che fosse 8,1 nel 2008–2012 e 8,6 nel 2013–2018, ma il numero assegnato è improvvisamente sceso a 6,9 nel 2019. Cosa è successo? Quali nuove restrizioni alla libertà dei media sono state introdotte?

Semmai, nel caso dei due indicatori mediatici avrebbe dovuto essere il contrario. Nel 2008, la maggior parte dei media privati in Islanda era di proprietà di un magnate del commercio al dettaglio, Jon A. Johannesson, che era il più grande debitore delle banche islandesi e che ha usato il suo potere per attaccare le autorità per averlo sottoposto a un’indagine di polizia. (Alla fine gli è stata inflitta una pena detentiva sospesa presso la Corte Suprema per irregolarità nella contabilità.) Johannesson, che ha perso la maggior parte del suo impero commerciale nel crollo del 2008, ha venduto le sue stazioni radiofoniche e televisive a una società nel 2017 e i suoi giornali e giornali online a un’altra società nel 2019.

Tra i pochi fortunati

La fonte di queste tre strane ipotesi sull’Islanda sembra essere il rapporto annuale Freedom in the World , pubblicato da Freedom House. Per il 2019, l’Islanda ha ricevuto meno del massimo dei voti da Freedom House per alcuni indicatori, tra cui l’influenza sul processo decisionale politico da parte di forze esterne alla sfera politica e la libertà dei media. Queste due valutazioni in particolare sembrano essere dovute a un caso che coinvolgeva la grande azienda di pesca Samherji, accusata dai giornalisti del servizio di radiodiffusione nazionale islandese di proprietà del governo, insieme a due riviste online di sinistra, di aver corrotto funzionari in Namibia per ottenere licenze di pesca lì. Penso che questa sia un’interpretazione altamente fuorviante del caso ancora irrisolto, ma è un argomento per un’altra occasione. Ad ogni modo, queste valutazioni non fanno molta differenza. Non importa se nell’Indice della libertà umana l’Islanda è la numero 6 al mondo come la Finlandia, o 9 come la Svezia, o 12, che è il suo punteggio attuale, o 13 come la Norvegia. Sarebbe un cavillo su piccoli dettagli. Resta il fatto che l’Islanda, pur non essendo certo perfetta, è uno dei paesi più liberi del mondo. Gli islandesi sono tra il fortunato 15 per cento della popolazione mondiale.

The text was translated by an automatic system