Una soluzione pacifica del conflitto russo-ucraino?

Politica - Gennaio 22, 2022

Vale la pena di discutere le possibilità di una soluzione pacifica del conflitto russo-ucraino…

Il presidente russo Vladimir Putin ha chiarito quali sono i suoi obiettivi a breve termine nel conflitto russo-ucraino. È che l’Ucraina non diventerà un membro della NATO e che nell’Europa orientale le forze della NATO non sono permanentemente collocate vicino ai confini russi. È più un mistero quali siano i suoi obiettivi a lungo termine. Lui, e l’élite al potere in Russia, rispetteranno con riluttanza la sovranità dell’Ucraina, o sono decisi a occupare il paese e governarla da Mosca come si faceva in epoca sovietica? Infatti, un problema ricorrente nei rapporti tra Russia e Occidente è quello dell’incomprensione reciproca (situazione abilmente analizzata in un recente libro di Malcolm Gladwell, Talking to Strangers: What We Should Know about the People We Don’t Know ). Ciascun lato tende a proiettare l’altro a propria immagine. Poiché i leader occidentali sono abituati a procedure democratiche in cui i compromessi vengono raggiunti dopo che sono state valutate diverse opzioni, si aspettano che i leader russi pensino e si comportino in modo simile. Poiché i leader russi sono essenzialmente dei prepotenti, ex agenti della polizia segreta incalliti, presumono che i leader occidentali siano aggressivi e senza scrupoli come loro stessi. Sembrano credere, ad esempio, che la NATO non sia solo un’alleanza di difesa, mentre in Occidente sappiamo che i leader di Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito (per non parlare dei paesi NATO più piccoli) hanno nessuna intenzione di invadere la Russia, anche se si presentasse un’opportunità.

Trattare con i lupi

Un altro problema è che questo potrebbe essere un gioco senza un risultato stabile o finale. I leader russi non sono colombe innocenti. Sono più simili ai lupi e i lupi diventano pericolosi se vengono nutriti piuttosto che affamati. L’appetito di conquista di Putin aumenterebbe, non diminuirebbe, se fosse in grado di occupare l’Ucraina o almeno gran parte di lei. Inoltre, il dittatore cinese Xi Jinping è dietro le quinte, pronto a invadere Taiwan se vedrà l’Occidente placare i russi. I leader russo e cinese percepiscono l’Occidente debole e decadente. Mentre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è il comandante in capo della più grande potenza militare del mondo, vacilla; Il cancelliere tedesco Olaf Scholz non ha esperienza; alcuni membri della Camera dei Comuni britannica e dei media sembrano interessati solo al fatto che lo staff del primo ministro Boris Johnson abbia infranto le regole sul distanziamento sociale durante il blocco covid, non nella minaccia russa alla stabilità europea; Il presidente francese Emmanuel Macron è strettamente concentrato sulla politica francese, non sull’Occidente nel suo insieme. I leader russo e cinese vedono questa debolezza come un’opportunità. C’è però una grande differenza tra loro. Mentre la Cina dovrebbe essere considerata una potenza formidabile, la Russia ha i piedi d’argilla. Ha all’incirca lo stesso PIL (prodotto interno lordo) della Spagna. È quindi probabile che la sua sciabola al momento attuale non riguardi in realtà l’invasione e l’occupazione dell’Ucraina (sebbene la possibilità non dovrebbe essere esclusa), ma piuttosto lo spostamento della posizione predefinita negli affari internazionali verso l’accettazione dell’annessione russa della Crimea e molto probabilmente anche dell’Ucraina orientale. L’Occidente ha già tacitamente accettato l’annessione della Crimea, ma Putin vuole che i suoi leader tirino un sospiro di sollievo se non invaderà anche l’Ucraina. Paradossalmente, se si astiene da un attacco, sarà visto come un pacificatore. È una situazione strana. Ma non è senza speranza. La storia fornisce molti esempi della risoluzione di problemi simili. Qui, come filosofo politico e storico, citerò alcune possibilità come ho fatto in una conferenza a Kiev l’8 novembre 2019, organizzata da European Conservatives and Reformists, ECR.

La soluzione danese

Il problema nell’Ucraina orientale è che molti abitanti vogliono essere russi piuttosto che ucraini. (Questo era anche il caso dei Sudeti nel 1938: la maggioranza di lingua tedesca voleva essere cittadini della Grande Germania, Großdeutschland, non della Cecoslovacchia.) Mentre la maggior parte di noi riconoscerebbe la sovranità dell’Ucraina, alcuni di noi hanno anche simpatia per l’idea che le persone nelle regioni di confine non dovrebbero essere costrette a essere cittadini di un paese piuttosto che di un altro, contro la propria volontà. Esiste un precedente storico importante per risolvere il problema degli aspiranti russi nell’Ucraina orientale. Nel 1864 il Regno di Danimarca aveva perso i ducati di Schleswig e Holstein a favore della Prussia, dopo una breve guerra. Holstein era completamente tedesco, così come lo Schleswig meridionale, mentre una grande minoranza di lingua danese rimase nello Schleswig settentrionale. Dopo la sconfitta della Germania nel 1918, si decise di consentire agli abitanti dello Schleswig settentrionale di scegliere tra Germania e Danimarca. Il territorio era suddiviso in tre zone. Divenne presto evidente che gli abitanti della zona più meridionale desideravano in modo schiacciante appartenere alla Germania. Un referendum lì è stato quindi ritenuto superfluo. Gli abitanti della zona più settentrionale hanno votato per la Danimarca, il 75 per cento contro il 25 per cento. Gli abitanti della zona centrale hanno votato per la Germania, dall’80% al 20%. Di conseguenza, la zona più settentrionale fu trasferita nel 1920 dalla Germania alla Danimarca. Mi sembra che un’analoga revisione pacifica dei confini potrebbe essere attuata nell’Ucraina orientale, anche se la definizione delle diverse zone non sarebbe priva di difficoltà. Questa sarebbe certamente una soluzione molto più umana di una guerra tra Russia e Ucraina o dello scambio forzato di popolazioni attraverso i confini, come è successo tra Grecia e Turchia nel 1923 e tra Russia, Polonia e Germania nel 1945.

La soluzione svizzera

Il problema in Crimea potrebbe non essere che gli abitanti rifiutano il dominio russo. Probabilmente la maggioranza lo sostiene e, come ho già notato, la comunità internazionale ha tacitamente accettato l’annessione del 2014, sebbene sia contraria al diritto internazionale e ai trattati che la Russia aveva firmato. Dopotutto, la Crimea era russa dal 1783 quando lo zar la annesse fino al 1954 quando fu trasferita in Ucraina con un decreto sovietico che celebrava il 300° anniversario dell’unificazione dell’Ucraina con la Russia. Il problema è piuttosto che nella penisola rimangono grandi minoranze di ucraini e tartari di Crimea. La soluzione non potrebbe essere una revisione dei confini come nell’Ucraina orientale o un massiccio scambio di popolazioni: i membri delle comunità ucraina e tartara in Crimea hanno lo stesso diritto di vivere lì della maggioranza di lingua russa. In effetti, i tartari vi abitarono molto prima dell’annessione russa del 1783. Formarono la maggioranza della popolazione fino alla metà del diciannovesimo secolo e rimasero uno dei più grandi gruppi etnici del paese fino a quando non furono crudelmente deportati in Asia centrale nel 1944, tornando solo gradualmente e in parte nella loro antica patria dopo la morte di Stalin. Ancora una volta, c’è un precedente importante per risolvere il problema. Si tratta di dividere la penisola in cantoni autonomi sul modello svizzero. La Svizzera ha quattro comunità linguistiche e due grandi comunità religiose, e nel 1847 vide una breve guerra civile su linee religiose, tra cattolici e protestanti. Ma da allora gli svizzeri hanno sviluppato un sistema di libertà, diversità e tolleranza riducendo la possibilità di un gruppo di imporre la propria volontà agli altri. La stessa opportunità di spostarsi facilmente da un cantone all’altro fornisce un controllo cruciale su qualsiasi maggioranza che opprime le minoranze.

La soluzione SEE

L’Ucraina vuole comprensibilmente unirsi all’Occidente e dovrebbe essere accolta favorevolmente. In quanto paese sovrano, lei e non i leader russi dovrebbero decidere se fare domanda o meno per l’adesione alla NATO o all’Unione Europea. Ma per amor di discussione, supponiamo che né lei né i paesi della NATO vorrebbero entrare in guerra con la Russia sulla questione e che quindi sarebbe prudente metterla da parte, senza ovviamente cedere alle richieste russe. Ma ancora una volta, c’è un’alternativa. È che l’Ucraina entrerebbe a far parte dello Spazio economico europeo, SEE, piuttosto che dell’UE. Il SEE è costituito da tutti i paesi dell’UE oltre a Norvegia, Liechtenstein e Islanda e, per la maggior parte degli scopi pratici, anche se non formalmente, dalla Svizzera. L’idea alla base del SEE è che i paesi che non sono preparati ad aderire all’UE possono comunque far parte del mercato comune europeo. L’EEA riguarda l’integrazione economica piuttosto che politica. Si tratta di paesi che godono dei vantaggi del libero scambio e della divisione del lavoro senza dover accettare gli obblighi politici che derivano dalla piena adesione all’UE. Si tratta di un accordo che si adatta ai paesi della periferia settentrionale dell’Europa, come Norvegia e Islanda, o delle Alpi, come il Liechtenstein e la Svizzera. Certo, i paesi SEE non hanno molta voce in capitolo nel processo decisionale dell’UE, ma nemmeno i piccoli paesi membri dell’UE per quella materia. La condizione per l’ammissione al mercato interno europeo è l’accettazione delle norme e dei regolamenti dell’UE che non sembra irragionevole, mentre i paesi SEE mantengono la possibilità di commerciare altrove. L’Ucraina è come la Norvegia e l’Islanda alla periferia dell’Europa. Appartiene come loro al SEE piuttosto che all’UE. Forse un giorno anche la Russia potrebbe essere indotta ad aderire al SEE. Dopotutto, la tua propensione a sparare ai tuoi vicini diminuisce notevolmente se vedi in loro potenziali clienti.

The text was translated by an automatic system