fbpx

Perché il Parlamento europeo è importante?

Elezioni europee - Maggio 18, 2024

Dal 6 al 9 giugno oltre 370 milioni di europei provenienti dai 27 paesi dell’Unione Europea voteranno per eleggere i loro rappresentanti al nuovo Parlamento Europeo. È noto che il Parlamento europeo è una delle tre istituzioni principali dell’Unione europea, insieme al Consiglio e alla Commissione europea. Insieme ai governi degli Stati membri, il Parlamento europeo decide le politiche chiave dell’UE e il bilancio dell’UE. Nel prossimo mandato 2024-2029, la legislatura europea avrà 720 membri, 15 in più rispetto a quella attuale. Al di là dell’alto compito di rappresentanza, la posizione di europarlamentare comporta anche una serie di significativi vantaggi finanziari. Dando un’occhiata alle dichiarazioni patrimoniali degli eurodeputati rumeni, ognuno dei 33 rappresentanti rumeni ha ricevuto, in un anno, circa 150.000-160.000 euro, denaro che rappresenta indennità e diarie. Il 29 febbraio 2024 erano iscritti nelle liste elettorali della Romania 18.940.834 elettori, circa 700.000 in più rispetto al numero di elettori iscritti nelle liste permanenti nel 2019, in occasione delle ultime elezioni europee. Dei 18,9 milioni di rumeni, circa 950.000 vivono e lavorano all’estero, secondo i dati recentemente diffusi dall’Autorità elettorale permanente rumena.

Il Parlamento europeo è una delle principali istituzioni dell’Unione, responsabile delle leggi che regolano le politiche europee comuni e il mercato dell’Unione europea. Nel prossimo mandato, le politiche chiave identificate dai leader dell’UE come prioritarie sono la transizione verso l’azzeramento delle emissioni di gas serra entro il 2050, una politica industriale per mantenere l’UE competitiva nei confronti di Cina e Stati Uniti, la creazione di un’unione dell’energia – che porti a una riduzione dei prezzi dell’energia e a una fornitura stabile – e un’unione dei mercati dei capitali – che aiuti a mobilitare il denaro privato e a potenziare le capacità di difesa dell’UE.

La Romania ha ricevuto un importo tre volte superiore a quello che ha contribuito al bilancio dell’UE

Insieme ai governi dei paesi membri, il Parlamento Europeo deciderà il futuro bilancio dell’Unione Europea per il periodo 2028-2034. Mentre per l’attuale ciclo di finanziamento questo budget è di 1,1 miliardi di euro, quasi certamente aumenterà nel prossimo periodo, visto l’allargamento a est – con l’inclusione dell’Ucraina e della Repubblica di Moldova, oltre che dei paesi dei Balcani occidentali. Per alcuni paesi dell’UE, tra cui la Romania, il saldo finanziario netto tra il contributo al bilancio dell’UE e lo stanziamento da esso è positivo. Secondo i dati ufficiali pubblicati dal Ministero delle Finanze rumeno, la Romania ha contribuito con 30 miliardi di euro nei 14 anni successivi all’adesione e l’importo che è “tornato indietro” è stato di 95 miliardi di euro.

Da non trascurare è il ruolo del Parlamento europeo nella nomina dei membri della Commissione. Sebbene non sia formalizzata nel trattato UE, la composizione della futura legislatura influenzerà anche quella della Commissione, poiché è consuetudine che il capo della Commissione provenga dal gruppo politico che alle elezioni ottiene il maggior numero di seggi nel nuovo Parlamento. Con 33 seggi al Parlamento europeo, la Romania è al sesto posto per numero di europarlamentari. Il maggior numero di seggi detenuti da uno Stato membro è 96 (Germania) e il minor numero di 6 (Cipro, Lussemburgo e Malta).

Aumenta il numero di eurodeputati al Parlamento europeo

La legge europea prevede un massimo di 750 eurodeputati più il Presidente, ma il numero totale di seggi e il numero di seggi assegnati a ciascun paese vengono decisi prima di ogni elezione europea. Nel settembre 2023, il Parlamento europeo ha approvato la decisione del Consiglio di aumentare il numero di seggi da 705 a 720 per il periodo 2024-2029. La distribuzione dei seggi si basa sulle dimensioni della popolazione degli Stati membri e sulla necessità di garantire un livello minimo di rappresentanza per i paesi piccoli, in base al principio della “proporzionalità degressiva” sancito dal Trattato sull’Unione Europea. Ciò significa che, sebbene i paesi più piccoli abbiano un numero di europarlamentari inferiore a quello dei paesi più grandi, questi ultimi rappresentano un numero maggiore di elettori. I 15 eurodeputati in più saranno assegnati a 12 paesi per il prossimo mandato: Francia, Spagna e Paesi Bassi – due ciascuno – e Polonia, Belgio, Austria, Danimarca, Finlandia, Slovacchia, Irlanda, Slovenia e Lettonia – uno ciascuno. I 720 eurodeputati saranno generosamente retribuiti per il loro lavoro e per poter svolgere le loro funzioni di rappresentanza, e avranno una serie di benefici finanziari, tra cui una pensione.

Quanto guadagna un MEP e quali sono i vantaggi?

Tutti gli eurodeputati ricevono lo stesso stipendio, che è fissato al 38,5% dello stipendio base di un giudice della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, come stabilito dallo Statuto. Questo stipendio era, al 1° luglio 2023, di 10.075,18 euro lordi e di 7.853,89 euro netti, al netto delle tasse europee, ma può variare a seconda del sistema fiscale di ogni Stato membro. Anche i parlamentari europei ricevono delle indennità. L’indennità di spesa generale è di circa 5.000 euro al mese, con cui i deputati possono coprire i costi di affitto e di allestimento dei locali utilizzati per il lavoro (attrezzature informatiche, abbonamenti telefonici, ecc.) per gli uffici parlamentari, sia in patria che all’estero. Ricevono inoltre un’indennità di soggiorno o indennità giornaliera di 350 euro al giorno, che copre i costi di vitto e alloggio per ogni giorno di lavoro ufficiale al Parlamento europeo. Allo stesso tempo, gli eurodeputati vengono rimborsati, sulla base di fatture, per le spese di viaggio a vari incontri ufficiali. I massimali sono fissati a livello di business class per i biglietti aerei e di prima classe per i treni, e a 0,58 €/km per i viaggi in auto fino a 1000 chilometri. I deputati che, senza un’adeguata giustificazione, partecipano a meno della metà delle sedute plenarie in un anno ricevono solo la metà dell’indennità e l’indennità giornaliera viene dimezzata se non partecipano ad almeno la metà delle votazioni per appello nominale in plenaria. L’indennità giornaliera viene inoltre dimezzata per le sedute al di fuori dell’UE. Oltre a questi importi, gli eurodeputati ricevono anche denaro per pagare il personale dei loro uffici, con un’indennità mensile a questo scopo. Nel luglio 2023, l’importo ammonta a circa 29.000 euro. Tuttavia, secondo lo statuto, è vietato assumere parenti in queste posizioni. Un’altra agevolazione è il rimborso di due terzi delle spese mediche.

In base allo Statuto, i deputati ricevono anche un’indennità transitoria alla fine del loro mandato e, al compimento dei 63 anni, una pensione speciale, pari al 3,5% dello stipendio per ogni anno intero di mandato e a un dodicesimo dello stipendio per ogni mese intero aggiuntivo, ma che non può superare il 70% del totale. Secondo le loro dichiarazioni patrimoniali, i deputati rumeni hanno dichiarato circa 150.000-160.000 euro di stipendio e indennità ogni anno durante il loro ultimo mandato.

La prossima legislatura sarà la decima del Parlamento europeo. Dal 1979, anno in cui gli europei hanno eletto per la prima volta direttamente i loro rappresentanti nella legislatura dell’UE, l’affluenza alle urne è diminuita costantemente fino al 2014, quando ha raggiunto il minimo storico del 42%. Rispetto a questo dato, le ultime elezioni europee del 2019 hanno visto un aumento significativo dell’affluenza, che ha raggiunto il 50,6%. E i recenti sondaggi mostrano un ulteriore aumento dell’affluenza quest’anno. In Romania, dove le elezioni europee si svolgeranno contemporaneamente a quelle per l’elezione dei rappresentanti nelle amministrazioni locali e provinciali, i sondaggi indicano un’affluenza alle urne superiore al 50%. Nell’Unione Europea, tuttavia, ci sono paesi in cui il voto è obbligatorio: Belgio, Bulgaria, Grecia e Lussemburgo.